DylanTheBandLastWaltz-1
Laswaltz02jpg
The-Last-Waltz-6-1600x900-c-default
the-last-waltz-concert-the-band-01
waltz-c7a660ef-2330-4990-8f19-b808280ba22d
DylanTheBandLastWaltz-1
Laswaltz02jpg
The-Last-Waltz-6-1600x900-c-default
the-last-waltz-concert-the-band-01
waltz-c7a660ef-2330-4990-8f19-b808280ba22d

L’ultimo Valzer di Martin Scorsese (1978-2018)

Lumpen presenta
in collaborazione con
Comune di Palermo
Assessorato alla Cultura
Cre.Zi.Plus

VENERDI’ 19 OTTOBRE 2018 ORE 21 CINEMA DE SETA
(Cantieri culturali alla Zisa – Via Paolo Gili,4 – Palermo)

Il Cinema ritrovato a Palermo
stagione 2018/2019
direzione artistica Franco Maresco

L’ULTIMO VALZER

(The last Waltz, USA/1978) di Martin Scorsese (117′)

Film in lingua originale con sottotitoli in italiano

Pochi registi possiedono la competenza e la passione musicale di Martin Scorsese. Che si tratti di composizioni originali o di repertorio, Scorsese utilizza la musica nei suoi film con una maestria stupefacente, ottenendo risultati, sul piano drammaturgico ed evocativo, che lasciano per sempre il segno negli spettatori. Chi non ricorda la colonna sonora di Taxi Driver ( 1976 ), ultimo capolavoro di Bernard Herrmann? Dall’inizio alla fine, si sente sempre lo stesso tema suonato dal sax alto, che commenta ossessivamente la solitudine e l’alienazione metropolitana del tassista De Niro, folle Virgilio che ci trasporta per una New York che raramente il cinema ha rappresentato con altrettanta disperazione. E che dire del memorabile inizio di Toro Scatenato ( 1980 ), con l’intermezzo di Cavalleria Rusticana o dell’esaltante finale di Fuori Orario ( 1985 ) affidato all’Allegro della sinfonia 45 di Mozart ? Per non parlare di capolavori come Casinò ( 1995 ) o Quei Bravi Ragazzi ( 1990 ) dove Scorsese passa genialmente da Bach a Tony Bennett. Non c’è dubbio che cotanto talento musicale Scorsese lo debba alle sue origini italiane, che gli hanno trasmesso la memoria delle bande di paese, la tradizione del Melodramma e la meravigliosa invenzione melodica della canzone popolare. Partendo dunque da questo patrimonio è riuscito, con abilità diabolica, a ” manipolare ” generi diversi come la classica, il jazz, la canzone e il rock, a cui ha dedicato, nel 1978, il documentario L’Ultimo Valzer, considerato a tutt’oggi un esempio imprescindibile per chiunque voglia raccontare la musica con le immagini. Il film è dedicato all’ultimo concerto del gruppo rock The Band, avvenuto nel 1976 alla Winterland Arena di San Francisco, dove lo stesso Martin Scorsese chiacchiera con miti come Bob Dylan, Ringo Starr, Muddy Waters, Neil Young e tanti altri. Un viaggio nel rock e nell’America degli anni Settanta che è anche una riflessione sul cinema e il suo rapporto con la più sublime delle arti: la musica.

Sinossi
L’addio di The Band, il grande gruppo di supporto di Bob Dylan, al concerto di San Francisco del ’77 è preparato dal regista come un kolossal: sette macchine da presa, alcuni tra i migliori direttori di fotografia (tra cui Micheal Chapman e Volmos Zsigmond), una ricca sceneggiatura, interviste a separare i tanti pezzi dal vivo, montaggio monumentale e l’idea di documentario come saggio sulla fine dei tempi. Secondo molti il canto del cigno della generazione-Woodstock.

Ristoro pre-proiezione
A partire dalle 19.00 aperi-cinema alla Social Kitchen di Cre.Zi. Plus. (Pad. 10 dei Cantieri Culturali, alle spalle del Cinema De Seta). Compreso nel costo del biglietto della proiezione un buon piatto aperitivo!
http://www.creziplus.it/

Info
www.associazionelumpen.com

Trailer
https://www.youtube.com/watch?v=5rKlkR0B5aw

ingresso 5 euro

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *